Journey to activism and advocacy

The third International Training Course that took place in Cyprus at the end of October, represents the last step in the implementation of the project #GetUpStandUp.

After being introduced to the general concepts of advocacy and activism and also to the main purpose of the Get Up Stand Up project, we have been given the chance to analyse the processes involved in the building of a structured dialogue conference. 

Afterwards, we have discussed the definitions of violence and conflict, as opposed to the culture of peace. This terminology has been subsequently applied to the broad concept of advocacy, which we have examined through the lens of the advocacy cycle. We have applied the first steps of such tool to practical cases of advocacy relative to different matters (LGBTQ rights, environmental issues, online bullying, the prohibition of sex education in Czech Republic and refugees conditions in the Greek camps). 

It has been very challenging to work on such crucial topics and trying to be realistic in the development of an effective advocacy strategy.

During the last sessions, we have also simulated meetings with different stakeholders, which involved the implementation of a lobbying strategy. 

The tools and skills we have improved also included active listening, effective communication strategies, time management and the use of emotion in human rights campaigns. 

Being all involved in youth movements, we now have new useful insight and resources to tackle some of the most challenging tasks that need to be carried out within such environment. 

We are overall really happy about this experience and eager to put out knowledge into practice.

Chiara Toselli

Sara Badilini

Simone racconta il secondo training di “Get Up Stand Up” in Repubblica Ceca[:en]Simone tells the second training of “Get Up Stand Up” in Czech Republic

[:it]

Dal 14 al 20 settembre ho preso parte come rappresentante di HRYO a un training course del programma Europe for Citizens in Repubblica Ceca, precisamente a Litomysl. Litomysl è una deliziosa cittadina a un paio d’ore da Praga. Nel suo centro storico vi è un bellissimo castello, divenuto nel 1999 patrimonio dell’Unesco. Uno dei valori aggiunti di questo training è stato di alloggiare e svolgere le attività proprio all’interno di questo castello, nello specifico nelle vecchie birrerie, sistemate e adibite a ostello. Un luogo fresco e moderno ma al contempo pieno di storia e ispirazione.

Questo training course era incentrato sulla libertà di espressione e i diritti umani. Erano presenti associazioni dalla Grecia, Cipro, Germania, Repubblica Ceca, Polonia e Italia. 30 ragazzi nello stesso luogo, tutto il giorno, parlando, ridendo, condividendo, confrontandosi, imparando l’uno dall’altro. Crescendo. Una settimana può non sembrare abbastanza per stabilire connessioni profonde, ma in realtà lo è. Non è stata la prima volta che ho legato così tanto con altre persone in così poco tempo, ma ogni volta è sempre difficile interiorizzare la cosa.

Personalmente adoro le storie. Credo che l’essere umano sia fatto di storie. Abbiamo sempre vissuto di storie e sempre lo faremo. Durante questo training ho chiesto la storia di tutti i partecipanti: c’era il ragazzo italiano che a malapena parlava inglese ma che con la sua espressività e la sua attitudine alla vita riusciva a farsi capire meglio di chiunque altro; c’era un rifugiato politico russo che era scappato a Berlino perché perseguitato per un progetto sullo studio del voto; c’era il ragazzo indiano volontario in Germania che voleva rimanere in Europa per studiare il cambiamento climatico. C’erano altre storie. E poi c’ero io, che arricchivo la mia storia con quelle degli altri.

Ognuna di queste persone ha fatto in modo che il progetto potesse finalizzarsi in maniera ottima. Merito anche ovviamente dei due trainer, Alex e Luiza, che sono stati fantastici. Disponibili e sorridenti, sono stati in grado di coinvolgerci a pieno in tutte le attività, gestendo il tempo senza essere troppo rigidi.

Il team working, il dialogo, la risoluzione dei conflitti, la riflessione e il dibattito per arrivare a un obiettivo comune sono stati tutti elementi integranti nel corso delle varie attività. Spesso queste erano mirate a creare coesione nel gruppo, spingendoci a farci scontrare e discutere, per poi alla fine renderci più uniti.

Il tutto ovviamente attraverso l’educazione non formale, in cui il processo di apprendimento non deve essere a senso unico. Non a caso alcune ore sono state consacrate come open space, in cui ognuno poteva scegliere cosa voler condividere, insegnare, e imparare dagli altri.

Prima della partenza ero molto curioso di sapere come altri paesi con diversi contesti fossero riusciti a conquistare le libertà e diritti acquisiti fino ad oggi. E’ stato molto interessante conoscere dalle presentazioni e dalle messe in scene dei partecipanti i fatti e le storie avvenuti: lotte, proteste, richieste e sacrifici alla conquista dei diritti e libertà fondamentali. Al contempo, è stato utile capire che per alcuni di noi determinati diritti sono scontati, mentre per altri non lo sono affatto.  Leggerlo è un conto, ascoltarlo dalle voci di chi direttamente ne ha vissuto il riflesso è un altro.

Un’altra attività che mi ha colpito è stata quella di dover individuare una serie di articoli di giornale che riportassero il rispetto o le violazioni dei 30 articoli riportati nella Dichiarazione universale dei diritti umani. E’ sorprendente quanto ormai siamo abituati al fatto che questi non vengano rispettati, tanto da vederlo quasi come una normalità, al punto da non farci più scandalizzare. Dobbiamo ricordarci di non dare nulla per scontato, neanche le cose più elementari, e che dobbiamo essere anche noi i fautori di quello che aneliamo come società.

E’ un grande dispiacere per me non prendere parte alla terza parte di questo progetto che si volgerà a Cipro, ma sono sicuro che i prossimi partecipanti sapranno apprezzare il lavoro che verrà svolto.

 

Simone Grassi[:en]

From 14th to 20th of September I took part as a representative of HRYO in a training course found ed by the Europe for Citizens program in Czech Republic, specifically in Litomysl. Litomysl is a delightful town located a couple of hours from Prague. In its historic center stands a beautiful castle, which in 1999 became a UNESCO heritage site. One of the added values of this training was that the activities and the staying were held right inside this castle, specifically in the old breweries, arranged and used as a hostel. A fresh and modern place but at the same time full of history and inspiration.

This training course focused on freedom of expression and human rights. Associations from Greece, Cyprus, Germany, Czech Republic, Poland and Italy were attending. 30 youngsters in the same place, all day, talking, laughing, sharing, comparing, learning from each others. Growing up. A week may not seem enough to establish deep connections, but actually it is. It was not the first time I bond so much with other people in such a short time, but every time it’s always difficult to interiorize it.

Personally I love stories. I believe that human beings are made of stories. We have always lived of stories and we will always do. During this training I asked every participant’ story: there was the Italian guy who barely spoke English but with his expressiveness and his attitude towards life could make himself understood better than anyone else; there was a Russian political refugee who had fled to Berlin because he was persecuted for a project on the political vote; there was the Indian volunteer in Germany who wanted to stay in Europe to study climate change. There were other stories. And then there was me, becoming richer with all of these stories.

Each of these people made possible that the project could be finalized in an perfect way. Also of course thanks to the two trainers, Alex and Luiza, who were fantastic. Always available and smiling, they were able to fully involve us in all activities, managing the timing without being too rigid.

Team working, dialogue, conflict resolution, reflection and debate to reach a common goal were all important elements included during the activities. These tools were used to create cohesion in the group, pushing us to clash and argue, and then eventually making us more united.

All of this obviously through non-formal education, in which the learning process is not meant to be one-way. No coincidence that some hours were consecrated as an open space, in which everyone could choose what they wanted to share, teach, and learn from others.

Before leaving I was very curious to know how other countries with different contexts had managed to conquer freedoms and rights. It was very interesting to learn from the presentations and plays of the participants the facts and the stories that took place in their nations: struggles, protests, requests and sacrifices to gain fundamental rights and freedoms. At the same time it was useful to understand that for some of us certain rights are taken for granted, while for others they are not. Reading it is a thing, hearing it from the voices of those who directly experienced the reflection of these actions is another.

Another activity that really made me think was when we had to identify a series of newspaper articles reporting respects or violations of the 30 points reported in the Universal Declaration of Human Rights. It is surprising how much we got used to the fact that these rights are often not respected, to the point that we see it almost as a normality and we do not consider it outrageous anymore. We must remember not to take anything for granted, not even the most elementary things, and that we too must be part of the cange we want in the society.

It is such a pity that I cannot take part in the third part of this project that will be held Cyprus, but I am sure that the next participants will be able to appreciate the work that will be done.

 

Simone Grassi[:]

[:it]Ultimo training del progetto “Get Up Stand Up” a Cipro a Ottobre[:]

[:it]Il progetto “Get Up Stand Up” è arrivato alla sua fase conclusiva. L’organizzazione YEU Cyprus accoglierà il terzo ed ultimo training course che si terrà dal 24 al 30 Ottobre 2019 a Pedoulas, Cipro.

Siamo alla ricerca di 2 partecipanti che siano interessati alla tematica dei diritti umani, giovani educatori, attivisti e/o operatori giovanili.

Il corso di formazione prevede la partecipazione di giovani provenienti da Cipro, Grecia, Germania, Polonia, Repubblica Ceca, Italia.

L’obiettivo del corso è quello di rafforzare la capacità degli operatori giovanili europei per considerare costruttivamente i conflitti e le ingiustizie nelle loro comunità attraverso la sensibilizzazione e la promozione del cambiamento. Basandosi sulla diversa storia della difesa dei diritti umani e attivismo in Europa, i partecipanti impareranno a usare i diritti umani fondamentali e considereranno i conflitti come strumenti di trasformazione per analizzare le situazioni che si trovano ad affrontare in modo da trovare risposte non violente prima di concettualizzare strategie per rendere le loro campagne efficaci. 

Molto spesso non è la mancanza di interesse che fa desistere la maggior parte di noi dall’impegno contro le ingiustizie, ma piuttosto una sensazione di non sapere come fare e da dove iniziare. Il corso di formazione cerca di responsabilizzare chiunque sia disposto a sostenere i diritti umani degli altri e non solo i propri.

Il training si svilupperà attraverso metodologie di educazione non-formale.

Il progetto è finanziato dal progetto Europe for citizens.

Costi:

  • Vitto e alloggio saranno coperti dall’organizzazione ospitante;
  • I costi di viaggio saranno rimborsati fino ad un massimo di 275€;
  • Costo tesseramento annuale H.R.Y.O.: 25€.

Per ulteriori informazioni consulta l’infopack

Per candidarti invia il tuo cv a valeria.buscemi@hryo.org entro il 15 settembre.

 

 [:]

[:it]Vuoi andare in Repubblica Ceca per un training sulla libertà di espressione?[:]

[:it]

La ONG Tmelník z.s. organizza il secondo International training course, all’interno del progetto “Get Up Stand Up”, sulla promozione dei diritti umani, in particolare sulla libertà di espressione.

H.R.Y.O. ricerca 1 ragazzo e 2 ragazze, youth workers o attivisti, coinvolti nella società civile, che vogliano prendere parte a questa formazione che si terrà a Litomyšl presso lo YMCA Europe Training Centre dal 14 al 20 Settembre 2019.

Questa tappa del progetto coinvolgerà 30 giovani provenienti da Cipro, Polonia, Germania, Grecia, Repubblica Ceca e Italia.

Attraverso l’educazione non-formale, i partecipanti saranno stimolati a impegnarsi attivamente sulla tematica della partecipazione civile in tutta Europa. Gli obiettivi del training sono:

  • fornire agli youth workers tutte le conoscenze utili riguardanti la promozione della cittadinanza attiva nell’UE e la loro positiva influenza all’interno delle loro regioni e comunità;
  • aumentare il senso di transnazionalità, la conoscenza e l’esperienza dei partecipanti sulla promozione dei diritti umani e la cittadinanza attiva;
  • creare nuovi progetti che promuovano la storia Europea e la cittadinanza attiva.

Il progetto è finanziato dal programma Europe for citizens.

Costi:

  • Vitto, alloggio saranno coperti dall’organizzazione ospitante;
  • Tmelník si occuperà anche di acquistare i biglietti
  • Costo tesseramento annuale H.R.Y.O.: 25€.

Per ulteriori informazioni consulta l’infopack

Per candidarti invia il tuo cv a valeria.buscemi@hryo.org entro il 15 luglio.

[:]

[:it]Ricerca di 3 partecipanti per training course all’interno del progetto “Get Up Stand Up”[:]

[:it]

Siamo alla ricerca di 3 partecipanti per un training course che si terrà a Marina Serra di Tricase (Lecce, Puglia) dal 3 al 9 Giugno 2019 (giorni di viaggio inclusi).

Il training costituisce l’ultima fase del progetto GetUpStandup che mira a sensibilizzare su memoria, storia comune e principi dei diritti umani dell’UE. Ricordando i fatti storici del movimento studentesco tedesco, la primavera di Praga, il maggio francese del 1968, il Movimento italiano del 1968 e i movimenti anti-dittatura in Spagna e in Grecia, sono state esaminate le differenze tra i movimenti civili e i diritti politici dal 1968 fino ad oggi!

Questo corso di formazione si concentrerà sulla lotta per i propri diritti, analizzata alla luce dei risultati delle attività precedentemente implementate:

  • public intervention, che ha coinvolto i cittadini di Palermo in una mostra riguardante la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani;
  • public debate, che ha permesso di far riflettere i partecipanti sulla reale possibilità di ognuno di battersi per i propri diritti;
  • structured dialogue conference, che ha analizzato da vicino l’azione concreta di un movimento locale.

Il progetto coinvolge 30 partecipanti provenienti da: Cipro, Repubblica ceca, Grecia, Germania, Italia e Polonia. In totale parteciperanno 10 organizzazioni, due da ogni paese.

 

Costi:

  • I costi di viaggio verranno rimborsati fino a un massimo di 20€ per partecipante;
  • Vitto e alloggio verranno forniti dall’Organizzazione ospitante;
  • Costo tesseramento annuale H.R.Y.O.: 25€

Per maggiori informazioni consulta l’infopack

Per candidarti invia il cv a valeria.buscemi@hryo.org entro il 13 Maggio.

 

 

 

[:]

A more committed Europe through “Europe 4 All”

The democratic engagement and the civic participation of youth are achieved through education and their democratic participation in the communities, respect and appreciation of diversity and social responsibility.

The project “Europe 4 All” is designed to give European citizens the opportunity to be protagonists in the creation of a more committed Europe, through the mutual work of people from different cultures and social contexts, on themes of great interest for civil society, EU and institutions.

“Europe 4 All” involves six partners: Association for sustainable development Sfera Macedonia (Republic of Macedonia), Cross Culture International Foundation CCIF (Malta), Kontakte für Europa e.V. (Germany), PERTEJ BARRIERAVE (Albania), Centro di Studi ed Iniziative Culturali “Pio La Torre” ONLUS and Human Rights Youth Organisation H.R.Y.O. (Italy).

The project deals with several aspects concerning the role of youth in connection with the EU. It aims to: promote the EU values and benefits, observe the election processes in the countries involved and in the EU in general, research the reasons for the lower voting turnout in the past years, propose solutions to the problems, engage youngsters to become active citizens, promote volunteering and active citizenship, deepen the knowledge of youth about EU institutions and policies, understand the democratic processes and motivate young people to develop a stronger connection with the European Union.

The project is co-funded by the Europe for Citizens Programme of the European Union.