ABITUÀTI AL DESERTO

Evento finale del progetto HOTSTOP – Giovani contro il cambiamento climatico martedì 24 novembre ore 17.30 Talk sulla piattaforma s.place e in diretta facebook https://www.facebook.com/events/794790884400216?active_tab=about

HOTSTOP è un progetto realizzato da HRYO, Leaf, A Sud Onlus, Mare Memoria Viva e Palma Nana con il sostegno di NoPlanetB, Fondazione con il Sud e il supporto dell’Unione Europea. Il titolo del progetto “HOTSTOP – Giovani contro il cambiamento climatico”, evoca da una parte la necessità di agire contro il #surriscaldamentoglobale dall’altra il riferimento alla regione del #Mediterraneo come Hotspot climatico mondiale, ossia come area esposta ad eventi estremi connessi al #cambiamentoclimatico L’evento finale del progetto, curato dall’Ecomuseo Mare Memoria Viva, è un momento di riflessione sulla #desertificazione in senso letterale e simbolico. Il pianeta si desertifica, perde #biodiversità e così la specie umana, sempre più dominata dalla tecnica, si inaridisce, si omologa, perde capacità di cura e relazione.

Che rapporto di causa effetto c’è tra questi due fenomeni? Parleremo di #ecologia profonda ed ecologia politica con un parterre di ospiti molto diversificato: un climatologo, due attivisti, due artisti, un praticante zen, perché l’emergenza climatica non è più una questione “ambientalista” ma è questione #vitale di tutti e tutte. Apre il confronto un breve e commovente film dell’artista JR e della regista Alice Rochwacher, una poesia dedicata al mondo contadino che conclude idealmente la campagna “terra fertile” realizzata all’interno del progetto. Programma Proiezione di “Omelia Contadina” azione cinematografica di JR e Alice Rohrwacher, 2020

Programma Proiezione di “Omelia Contadina” azione cinematografica di JR e Alice Rohrwacher, 2020

Marco Farina – HRYO

Roberto Barbiero – Osservatorio Trentino sul Clima

Daniele Saguto – InMediasRes

Naida Samonà – XR Italia

Oriana Persico/Salvatore Iaconesi – Her She Loves Data

Paolo Subioli – Zen in the city

Modera Cristina Alga, Ecomuseo Urbano Mare Memoria Viva

Hot Stop – Giovani contro i cambiamenti climatici

Al via il progetto Hot Stop – Giovani contro i cambiamenti climatici

La Sicilia è un hotstop di cambiamenti climatici, un territorio sempre più esposto ad eventi estremi.

Negli ultimi mesi milioni di giovani in tutto il mondo si sono mobilitati per chiedere misure urgenti per fermare la crisi climatica.

H.R.Y.O. insieme al contributo di A SUD, Leaf, Mare Memoria Viva e Palma Nana è lieta di presentarvi il progetto HOTSTOP, il primo Hub climatico per giovani attivisti del clima in Sicilia che mette a disposizione corsi e seminari gratuiti per approfondire i temi e tradurre le conoscenze in Azioni.

L’HUB si struttura in tre percorsi educativi tematici dedicati all’approfondimento e rivolti ai giovani:

HUB KNOWLEDGE – è un primo momento di formazione teorica. Prevede l’erogazione di un corso e-learning su Cambiamenti Climatici disponibile per 30 giovani di età compresa tra i 20-30 anni e dei seminari di approfondimento organizzati all’Università degli Studi di Palermo.  

HUB EXPERIENCE – Alcuni dei giovani formati all’interno dell’Hub Knowledge avranno l’opportunità di partecipare ad una formazione rivolta ad animatori ambientali mettendo in pratica la formazione acquisita durante l’organizzazione e lo svolgimento di campi avventura per ragazzi.

In ultimo HUB CLIMATE ACTION – prevede la creazione e l’attivazione di una campagna di advocacy e la mobilitazione del gruppo di giovani siciliani che si faranno portavoce di una azione significativa contro i cambiamenti climatici.

Il corso on-line è già disponibile sul sito https://www.hubclimasicilia.it/hub/climate-action, è possibile candidarsi entro il 10 Gennaio compilando il modulo di iscrizione al seguente link: http://bit.ly/iscrizioneHS.

Il progetto è realizzato grazie al contributo dell’Unione Europea, di NOPLANETB e di Fondazione con il Sud.

“Questo documento è stato prodotto con il contributo finanziario dell’Unione Europea. I contenuti di questo documento sono sotto la responsabilità del solo H.R.Y.O. e non possono essere considerati, in nessuna circostanza, riflettere la posizione dell’Unione Europea.”