[:en]If you believe in something, it will happen![:]

[:en]Since 14th of May I started my mobility, within the Erasmus + program, in Salamanca (Spain) where I spent two months, it was in fact until July.

There, I have been working as assistant project of several European project such as uCivic and Siep, but the principal one was the project called “IRETI -Empowering Women and Strengthening Socioeconomic integration”. The name of the project IRETI means hope and it comes from the Yoruba language, spoken by the majority in Nigeria. This name was decided in function of the fact that the first aim of the project in itself is to give hope to the women victims of Trafficking in persons. Those people are most of the times young women especially from Nigeria; but it is consistent also the presence of women from Romania, East Europe and Asia. The second aim but not less important is to support them by fostering processes of ties. Nevertheless, the project includes also activities that will allow partner organizations to exchange experience, methods and good practices.

These two months have been intensive and full of commitments, but really satisfactory. My main duty concerned this project was to collect data from every partners Romania, Spain, Italy and England and organize them in a systematic way for the creation of an online platform. In particular, I was in charge to collect information regarding the partners involved in concrete in the project, the actions put in place and the ones to obtain more visibility, but also data concerning the local hot spot/ hot line who can be considered a help in fighting this huge and global phenomenon. All of this work has been done in order to create a platform that will be used to provide services and opportunities to the woman victims of Human Trafficking, who needs help to get out from the exploitation. The idea is to create something concreate to decrease the average of exploited people at the European level, and it is for this reason that all the country partners make their efforts in accomplish the result. There is a strong awareness that only through the cooperation and the collaboration worldwide is possible to combat this enormous crisis humanitarian that is affecting the whole Europe.

During these months, I had the chance to meet entities and associations at the national and regional level who are present in the city. They have been selected as stakeholders who work on the social field for the rights’ protection of vulnerable people. One of those, that have particularly catch my attention, was CASA ESCUELA SANTIAGO UNO. That is a wonderful reality that allow teenagers to start learning something that can be their future work, for example hairdresser or builder, but in the same time they have the possibility to live there. It is not a school how we can intend it normally, and it is not just a home. I had the impression that we easily could define that as school of life. Another beautiful thing inside of this institution is the fact that girls and boys have the possibility to take part to the several activities provided by volunteers or educators. Just to name, one is how to perform juggling and magic show.

Other associations with who I had contact has been ARPRAM. That is a national association with several different locations in all the Spain. Their work is closer to the main aim of the project; in fact, they work directly with the women that wee force to work as prostitutes during the night. Another really interesting experience was the meeting that I had with the responsible of the EUROPE DIRECT OFFICE, where I have been. There, the confront among us was really stimulating and full of input of reflections on the challenges facing Europe and on its future.

 

Another important part of my staying in Salamanca and working in BB&R was the possibility I had, to know new people and learn new things. In this sense, I had some Spanish lessons with a great and patient teacher M. Elisa, with her I spent most of my working time out of the office and I found a person with many interests and many histories to tell. M. Eliza as fundamental part of the project and of my staying in Salamanca supported me in all the visit to the entities, but also in making me discovering the city and in pushing me in improving my language skills.

In Addition to that, I took part of two courses regarding the IT System. To be more precise I have attended the first course with Daniel Gonzalo about the use and the ability to exploit the social media at the maximum, and then obtain the maximum share of visualization and sharing. He has revealed me some tricks that I would not have known otherwise. The second course was, instead, about the creation of webpages with Roberto. Also the latter has been interesting, for me, above all because it is something really far from what I have studied and secondly because it is nowadays so important to have IT abilities that I cannot reject the opportunity to learn something new. At this propose, during all the months I have discovered software and programs (Powtoon, Joomla) that I can easily use to work in other circumstances and as important as the first I have improved my use of programs such as Excel, PowerPoint, Internet, social media and so on.

 

To conclude this brief summary of my experience here, I would like to thank everyone who crossed my path, who taught me something new, and all the people that made this experience so productive and nice. At the same time, I would like to say that it was one of the most beautiful and interesting experience made until now, for this reason I would love to have the possibility to still stay here and work with You.

 

 

Ornella Guarino[:]

[:it]Ultima tappa del progetto Ucivic: lancio del Toolkit in Paraguay[:]

[:it]

Qualche settimana fa siamo rientrati dal Paraguay dove si è svolto l’ultimo meeting del progetto Ucivic.

Durante la nostra permanenza siamo stati coinvolti in diversi eventi finalizzati alla diffusione dei risultati ottenuti durante la realizzazione del progetto e alla presentazione del Toolkit, un insieme di strumenti che permettono lo sviluppo di competenze civiche tra i giovani.

Il primo incontro si è svolto presso la sede di Cepag ad Asunción dove si è parlato del progetto Ucivic, di tutto il percorso fatto dai quattro partner, alla presenza di operatori giovanili e membri di diverse organizzazioni attive sul territorio. In questa occasione è stato illustrato il toolkit in tutti i suoi elementi ed analizzato sulla base dell’esperienza fatta nei quattro paesi, apportando la testimonianza delle diverse realtà locali. Successivamente, si è aperto un dialogo con gli intervenuti, che hanno apportato nuovi elementi all’applicabilità del Toolkit. L’intero incontro è stato trasmesso alla radio dell’organizzaione Fé y Alegría.

Il giorno seguente abbiamo ufficialmente lanciato il Toolkit 3.0 di Ucivic presso il Salon Cachique Arapysandu a San Ignacio Guazú. L’evento si è svolto alla presenza di molti giovani studenti, dirigenti scolastici e operatori giovanili. Alla fine della presentazione sono stati creati due tavoli di discussione rispettivamente con giovani e con professori e operatori, per dar modo ai partecipanti di confrontarsi sull’applicabilità del toolkit stesso. Questa è stata una buona occasione per entrare in contatto con la realtà locale e comprendere meglio le esigenze dei giovani paraguaiani e accogliere altre riflessioni rispetto all’utilizzo degli strumenti funzionali all’incremento della partecipazione attiva dei giovani alla vita politica.

In definitiva, i risultati raggiunti dal progetto Ucivic sono stati accolti con entusiasmo dalle realtà di Uruguay, Paraguay, Spagna e Italia. Il lavoro dei partner è stato affiatato e il Toolkit nel suo complesso ha superato le aspettative originarie, riflettendo la passione, la condivisione, i compromessi e l’impegno di tutti coloro che hanno lavorato alla sua creazione.

La sinergia creatasi in questo lungo percorso insieme ha dato vita a nuove idee per possibili futuri follow up.

Per maggiori informazioni sul progetto Ucivic e sul Toolkit visita il sito: https://ucivic.eu/

 [:]

[:it]Ricerca 2 partecipanti per il progetto “European Migration Film Festival” a Salamanca dal 7 al 10 febbraio[:]

[:it]

Se sei interessato al mondo della cinematografia, hai qualche esperienza nella produzione di video e vuoi partecipare ad una mobilità con giovani di altri paesi, questa è l’occasione che fa per te.

Siamo alla ricerca di 2 partecipanti per il progetto “European Migration Film Festival” che si terrà a Salamanca dal 7 al 10 Febbraio.

I partecipanti provenienti da Grecia, Italia, Bulgaria e Spagna, si occuperanno di organizzare e creare una storyboard, filmare, modificare e produrre un cortometraggio. Il prodotto di questo lavoro verrà presentato al European Migration Film Festival l’ultimo giorno della mobilità.

I principali obiettivi del progetto sono: la promuovere della narrazione positiva sul tema della migrazione e l’incremento della visibilità ai contributi che i cittadini dei paesi terzi hanno dato alle società dell’Unione Europea.

Il progetto è implementato da Biderbost, Boscan & Rochin (BB&R), in collaborazione con Academy of Entrepreneurship (AKEP), Human Rights Youth Organization (HRYO) e NCFutureNow. E’ finanziato con il supporto del Programma Erasmus + della Commissione Europea.

Costi:

Costi di vitto e alloggio saranno sostenuti dall’organizzazione ospitante;

Costi di viaggio dall’Italia saranno rimborsati fino ad un massimo di 275 €  a partecipante;

Costo tesseramento annuale H.R.Y.O. 25 €.

Per ulteriori informazioni clicca qui

Per candidarti invia il cv all’indirizzo valeria.buscemi@hryo.org e compila questo form: http://bit.ly/2SF4eg3

[:]

[:it]Il progetto “Developing impact assessment indicators to evaluate Erasmus+ Projects” raccontato da Simona[:]

[:it]From Salamanca with love

Scendo dall’aereo e già mi rendo conto che sarà una gran bella esperienza. Il caldo, il cibo e il calore della gente mi ricordano il mio anno da studentessa Erasmus e mi sento subito a casa.

In poco tempo conosco il mio gruppo di lavoro e mi dedico alla conoscenza di ogni singolo membro. La diversità ci unisce e incuriosisce, e mi rendo conto di quanto il mondo sia bello perché vario. Allo stesso tavolo siedono ben più di tre nazioni: a Spagna, Italia e Grecia si affiancano scorci di Irlanda, Romania, Messico e Stati Uniti d’America. Questo mi fa sentire non solo cittadina europea ma del mondo intero.

Quando ho scelto di partecipare a questo corso di formazione mi aspettavo di acquistare nuove competenze che fossero utili a migliorarmi non solo come youth worker ma anche come persona. D’altro canto, però, desideravo condividere con gli altri partecipanti il mio know-how così da azionare un meccanismo di apprendimento reciproco.

Tirando le somme, invece, imparo molto più di quello che avrei immaginato. I tempi, scanditi secondo i rilassati ritmi spagnoli, mi permettono di assimilare molto bene i temi del progetto. Ora sono più consapevole del modo in cui si debbano costruire gli indicatori di un progetto e si debba valutare l’impatto delle azioni implementate, il che mi motiva enormemente a scrivere nuovi progetti. Allargo il mio network professionale, che spero di poter sfruttare in futuro, scopro buone pratiche che mi piacerebbe riproporre nella mia città e, quando pensavo di sapere tutto sul Programma Erasmus+, ecco che alcune mie certezze vacillano. Poiché i pasti si svolgono tra la residenza universitaria e una mensa scolastica, ho l’opportunità di sperimentare la vita studentesca di Salamanca e di assistere alle dinamiche tra i giovani del posto.

Inoltre, ho modo di esercitare la lingua inglese – ultimamente poco praticata – e quella spagnola – riesumata dopo ben sette anni di inattività. Sotto l’aspetto culturale mi dedico alla conoscenza della città visitando gli splendidi tetti della cattedrale e appassionandomi al museo d’arte contemporanea DA2. Rimango a bocca aperta di fronte alla maestosità di Plaza Mayor e assisto divertita agli spettacoli di microteatro de “La Malhablada”.

L’ultimo giorno ricevo lo Youthpass, il documento che attesta la mia partecipazione al progetto e certifica le competenze che ho acquisito o migliorato, promuovendo l’importanza dello European lifelong learning e dell’apprendimento non formale.

Piena di così tante conoscenze, dunque, sistemo per bene il mio zaino e torno a Palermo. Adesso porto nel cuore ogni singola persona che ho incontrato e mi preparo ad affrontare la prossima avventura che la vita ha in serbo per me.

 

Simona Marano[:]

[:it]Progetto “Building political efficacy through digital media literacy”, il report di Rossana e Valeria[:]

[:it]

Il progetto “Building political efficacy through digital media literacy” è stato sviluppato da Biderbost, Boscan & Rochin insieme a HRYO e Østfold County Council. Ha coinvolto ragazzi tra i 15 e i 17 anni provenienti da Italia, Spagna e Norvegia.

Il gruppo italiano era formato da: Valeria Buscemi, Rossana Ferranti, Erika Cusimano, Federica Birriolo e Andrea Favaloro.

Il progetto aveva come obiettivo l’alfabetizzazione mediatica, con particolare attenzione alla diffusione sempre maggiore di fake news soprattutto in ambito politico.

In questa settimana si è cercato, tramite le diverse attività, di far acquisire ai ragazzi maggior consapevolezza del mondo mediatico e soprattutto delle informazioni che circolano in rete.

L’intero progetto si è svolto nella città di Salamanca, in Spagna, nello specifico presso la St. Stanislaus Kostka School e presso la sede di Entreculturas, una ONG che si occupa di educazione e sviluppo. Fin da subito il confronto tra le diverse culture è apparso molto interessante e ai ragazzi ha giovato la possibilità di svolgere attività in gruppi sempre diversi e misti.

Ogni giorno erano previste delle sessioni formative insieme ad alcune più pratiche e momenti di riflessione e confronto riguardanti tutto ciò che era stato realizzato nell’arco della giornata.

Gli energizer previsti ad apertura di ogni fase di attività sono stati coinvolgenti ed efficaci, per abbattere le barriere della timidezza e fare in modo che i ragazzi legassero tra di loro.

Il tema del progetto, di per sé abbastanza complesso, è stato approcciato gradualmente attraverso dei video informativi, degli incontri e delle attività stimolanti. Il primo giorno ci siamo divisi in gruppi e siamo stati coinvolti in una missione in giro per Salamanca, alla ricerca di vari indizi che permettessero di iniziare a conoscere la città e alcune delle sue particolarità.

A proposito di incontri, il secondo giorno siamo stati ospitati nella sede dell’Europe Direct centre information presso l’Università di Salamanca, qui abbiamo conosciuto dei giovani che vi lavoravano con cui abbiamo approfondito il tema delle fake news. Il terzo giorno invece abbiamo avuto la possibilità di incontrare i membri della ONG Entreculturas, associazione che sostiene l’istruzione come mezzo di cambiamento sociale, con cui abbiamo instaurato un dialogo che ci ha permesso di conoscere il loro operato e i valori che muovono la loro organizzazione. Tra le diverse attività poste in essere, interessanti per i ragazzi sono state le interviste ai cittadini di Salamanca sul tema Erasmus + e sull’UE in generale; ricordiamo infatti che un altro obiettivo del progetto era aumentare la consapevolezza dei giovani sull’importanza dei progetti Erasmus + e delle opportunità che questo progetto offre e altresì la diffusione di questa tematica che è avvenuta proprio tramite le interviste.

Durante la settimana sono state raccolte foto e interviste dei partecipanti e sono state pubblicate sulla pagina instagram dedicata al progetto.

Un altro elemento di rilievo nell’organizzazione del progetto sono stati gli spostamenti tra l’alloggio e le sedi delle attività, che avvenivano a piedi per dare modo ai partecipanti di scoprire la città. È stata organizzata inoltre una visita alla Cattedrale (Cattedrale di Santa Maria dell’Assedio detta anche “Catedral Nueva”) e alla Torre (Torre Mocha) per permetterci di conoscere meglio la storia e la cultura della città ospitante.

Il progetto ha permesso a tutti i partecipanti di avere un’idea più concreta sulle fake news, sull’azione dei media nella diffusione delle notizie e infine sull’incidenza politica da parte della cittadinanza.

I ragazzi del gruppo italiano concordano nell’apprezzare l’interazione con ragazzi di altre nazionalità. Andrea, 15 anni, ha imparato ad adattarsi ad una situazione a lui nuova, in un contesto multilingue. Federica, 16 anni, grazie a questa esperienza ha superato un pò la sua timidezza. Erika, 16 anni, durante questo progetto ha scoperto tanto cose su di sé, soprattutto lati della sua personalità che non conosceva ancora.

Rossana Ferranti

Valeria Buscemi

[:]

[:it]Progetto “U-Civic”: innovazione nell’educazione civica per i giovani di Europa e America Latina[:en]”U-Civic” project: innovation in civic education for young people of Europe and Latin America[:]

[:it]

U-Civic è un progetto realizzato da Human Rights Youth Organisation (HRYO) in Italia, Asociación Civil Gurises Unidos in Uruguay, Centro de Estudios Paraguayos Antonio Guasch (CEPAG) in Paraguay and Biderbost, Boscán & Rochin (BB&R) in Spagna. Si inserisce nel quadro della key action 2, riguardante la cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone pratiche, e specificamente nell’azione di rafforzamento delle capacità per i giovani dei paesi dell’ACP, America Latina e Asia. È finanziato con il sostegno del programma Erasmus+ della Commissione Europea.

La premessa su cui si basa la proposta progettuale è la diminuzione della legittimazione politica tra i giovani Europei e Latinoamericani e la conseguente compromissione della qualità della democrazia, soprattutto tra i giovani appartenenti alle classi sociali meno abbienti.

L’idea principale del progetto concerne l’utilizzo di nuove tecnologie per l’educazione civica. La creazione di nuove conoscenze per supportare gli youth workers nell’incremento delle competenze politiche tra le nuove generazioni.

Pertanto “U-Civic” intende: realizzare uno scambio di buone pratiche (tra Italia, Paraguay, Spagna e Uruguay) su cui le strategie operino efficacemente e che siano allettanti per la legittimazione civica e politica delle nuove generazioni (specialmente i giovani con minori opportunità). Inoltre, è prevista la creazione di un Toolkit virtuale e gratuito per l’empowerment civico-politico delle nuove generazioni.

Nonostante i differenti contesti in cui operano le quattro organizzazioni, possiedono tutte delle peculiarità che rendono significativo il loro contributo al progetto.

HRYO è un’organizzazione non governativa i cui obiettivi principali riguardano il rafforzamento dei diritti umani e la legittimazione politica dei giovani con minori opportunità.

Gurises Unidos si dedica alla protezione dei diritti umani, specialmente dei bambini e dei giovani, delle loro famiglie, comunità e dei contesti vulnerabili in Uruguay.

CEPAG è un’organizzazione focalizzata sullo sviluppo dei giovani, soprattutto i lavoratori e coloro che hanno meno opportunità.

BB&R è un’impresa internazionale di consulenza con un rilevante ruolo nell’ambito dell’educazione civica per i giovani.

Le quattro entità hanno pregevoli esperienze di promozione della democrazia e responsabilizzazione politica in contesti vulnerabili, quindi sono pienamente qualificate per raggiungere gli obiettivi del progetto. Così, la promozione della partecipazione politica e l’empowerment saranno perseguiti con una buona pianificazione da parte delle quattro organizzazioni, coinvolgendo gli youth workers nell’implementazione delle competenze civiche.

Durante il progetto HRYO coordinerà ogni fase del programma e si interfaccerà con l’EACEA, l’Agenzia esecutiva della Commissione Europea per l’istruzione, gli audiovisivi e la cultura.

I partners implementeranno diverse attività, senza trascurare la connessione con le organizzazioni e l’amministrazione a livello locale, regionale e nazionale.

L’elemento innovativo del progetto, cioè la creazione del Toolkit, sarà il risultato di un processo che si sviluppa attraverso varie fasi dell’implementazione e di conseguenza il suo impatto sarà valutato attraverso la comparazione tra i fruitori e i non fruitori.

La realizzazione del progetto ha previsto una riunione di coordinamento, seguita da un questionario online e un focus group finalizzati alla raccolta di informazioni sugli youth workers, sul possibile contenuto dell’App e le opportunità per i giovani. In seguito all’analisi dei risultati, le organizzazioni realizzano uno scambio di buone pratiche attraverso il coinvolgimento dei lavoratori e dei giovani. Al termine di questa fase, i partners iniziano a preparare il prototipo del Toolkit basandosi sui bisogni dei partecipanti.

Le organizzazioni raccoglieranno le reazioni sull’App e successivamente creeratnno la versione definitiva. In seguito, durante la mobilità a Montevideo, un gruppo di youth workers, selezionati dai quattro paesi, saranno formati sull’utilizzo e l’applicazione del Toolkit. In questo modo gli youth workers sperimentano il supporto digitale nel loro lavoro, al fine di promuovere le competenze civiche quali cittadinanza attiva, conoscenza della politica, attenzione e partecipazione alla politica, efficacia e tolleranza politica.

Il progetto proseguirà con un’altra mobilità finalizzata alla valutazione dell’impatto della App. Sulla base di questa esperienza, i partners creeranno un libro digitale sull’utilizzo del Toolkit.

Alla fine del progetto la App gratuita sarà caricata sulle piattaforme Google Play/iTunes Store e in seguito i partners ne promuoveranno l’uso con incontri nazionali programmati.

Il progetto fornisce risorse materiali per la formazione e strumenti per la formazione degli youth workers, prevede riunioni, report e strumenti per la promozione delle competenze chiave dei giovani.

I principali risultati del progetto saranno: metodi di formazione per youth workers e formatori, cooperazione, attività di interconnessione e apprendimento tra pari, metodi che promuovano le competenze chiave dei giovani.

I risultati del progetto saranno diffusi attraverso pagina web, social networks, incontri strategici che coinvolgano le imprese, video ed e-books, workshop e la pubblicazione su Erasmus + Project Results Platform.

[:en]

U-Civic is a project implemented by Human Rights Youth Organisation (HRYO) in Italy, Asociación Civil Gurises Unidos in Uruguay, Centro de Estudios Paraguayos Antonio Guasch (CEPAG) in Paraguay and Biderbost, Boscán & Rochin (BB&R) in Spain. It falls within the framework of key action 2, namely cooperation for innovation and the good practices exchange, and specifically on the action of Capacity Building for Youth in ACP countries, Latin America and Asia. Funded with support from the Erasmus+ Programme of the European Commission.

The premise to the project proposal is the decreasing political empowerment among European and Latin American young people. As a result, the quality of democracy could be described as undermined, above all among young people belonging to the poorest social classes.

The main idea of the project is to use new technologies for civic education. Generating new knowledge on how to support youth workers to increase the political competencies among new generations.

Therefore, the “U-Civic” aims to: generate an exchange of good practices (between Italy, Paraguay, Spain and Uruguay) on which strategies really work and are attractive for the civic-political empowerment of new generations (specially youngsters with fewer opportunities). In addition, it is planned to set up a free virtual ToolKit for civic-political empowerment of new generations.

In spite of the different environment where the organisations operate, they all have specific features which makes a significant contribution to the project.

The HRYO is a non-governmental organisation which has as principal objectives the enhancement of human rights and the political empowerment of young people with fewer opportunities.

The Gurises Unidos is devoted to the protection of human rights, especially about children and young people, their families, communities and vulnerable contexts in Uruguay.

The CEPAG is an organization focused on the development of young people, above all workers and those who have fewer opportunities.

The BB&R is an international consulting firm with a prominent role in the field of civic education for young people.

All the four organizations have valuable experience of democracy-building and political accountability in vulnerable context, so they are fully qualified to operate in order to reach the objectives. Therefore, the promotion of political participation and empowerment is going to be pursued with good planning by the four entities, involving youth workers in implementing civic competencies.

During the project HRYO is going to coordinate each step of the program and it will interface with the EACEA, the Education, Audiovisual and Culture Executive Agency of the European Commission.

All the organizations will implement several activities, without overlooking the connection with the organizations and the administration at the local, regional and national level.

The innovative element of the project, namely the creation of the Toolkit, is going to result from a process developed along the different phases of the implementation and, subsequently, its impact will be evaluated through the comparison of users and non-users.

The implementation of the project foresaw a coordinating reunion, followed by online survey and a focus group aimed at collecting information about youth workers, possible content of the App and opportunities for young people. After the analysis of the results, the organizations realize the exchange of good practices through the involvement of workers and young people. At the end of this phase, the partners start to prepare the prototype of the Toolkit based on the needs of the participants.

The organizations are going to collected feedbacks on the App and then they draw up its final version. After that, during a mobility in Montevideo a group of youth workers, selected from the four countries, are going to be trained about the use and the application of the Toolkit. Therefore, the youth workers are going to experiment this digital support in their job, in order to foster the civic competences like active citizenship, political knowledge, political attention, political participation, political efficacy and political tolerance.

The project will continue through another mobility aimed at evaluating the impact of the App. Based on the experience, the partners will create a digital handbook on the use of the Toolkit.

At the end of the project the free App will be uploaded on Google Play/iTunes Store and then the partners will promote the use of the App by planning national meetings.

The project provides for training resource materials, training tools for youth workers, meeting, report and tools fostering young people’s key competencies.

The main outcomes that will result are: training methods for youth workers and trainers, cooperation, networking and peer-learning activities, methods fostering young people’s key competencies.

The project’s results will be disseminated through web page, social networks, strategic meetings involving firms, videos and e-books; workshops and the publication on the Erasmus + Project Results Platform.

[:]