[:it]Progetto “U-Civic”: innovazione nell’educazione civica per i giovani di Europa e America Latina[:en]”U-Civic” project: innovation in civic education for young people of Europe and Latin America[:]

[:it]

U-Civic è un progetto realizzato da Human Rights Youth Organisation (HRYO) in Italia, Asociación Civil Gurises Unidos in Uruguay, Centro de Estudios Paraguayos Antonio Guasch (CEPAG) in Paraguay and Biderbost, Boscán & Rochin (BB&R) in Spagna. Si inserisce nel quadro della key action 2, riguardante la cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone pratiche, e specificamente nell’azione di rafforzamento delle capacità per i giovani dei paesi dell’ACP, America Latina e Asia. È finanziato con il sostegno del programma Erasmus+ della Commissione Europea.

La premessa su cui si basa la proposta progettuale è la diminuzione della legittimazione politica tra i giovani Europei e Latinoamericani e la conseguente compromissione della qualità della democrazia, soprattutto tra i giovani appartenenti alle classi sociali meno abbienti.

L’idea principale del progetto concerne l’utilizzo di nuove tecnologie per l’educazione civica. La creazione di nuove conoscenze per supportare gli youth workers nell’incremento delle competenze politiche tra le nuove generazioni.

Pertanto “U-Civic” intende: realizzare uno scambio di buone pratiche (tra Italia, Paraguay, Spagna e Uruguay) su cui le strategie operino efficacemente e che siano allettanti per la legittimazione civica e politica delle nuove generazioni (specialmente i giovani con minori opportunità). Inoltre, è prevista la creazione di un Toolkit virtuale e gratuito per l’empowerment civico-politico delle nuove generazioni.

Nonostante i differenti contesti in cui operano le quattro organizzazioni, possiedono tutte delle peculiarità che rendono significativo il loro contributo al progetto.

HRYO è un’organizzazione non governativa i cui obiettivi principali riguardano il rafforzamento dei diritti umani e la legittimazione politica dei giovani con minori opportunità.

Gurises Unidos si dedica alla protezione dei diritti umani, specialmente dei bambini e dei giovani, delle loro famiglie, comunità e dei contesti vulnerabili in Uruguay.

CEPAG è un’organizzazione focalizzata sullo sviluppo dei giovani, soprattutto i lavoratori e coloro che hanno meno opportunità.

BB&R è un’impresa internazionale di consulenza con un rilevante ruolo nell’ambito dell’educazione civica per i giovani.

Le quattro entità hanno pregevoli esperienze di promozione della democrazia e responsabilizzazione politica in contesti vulnerabili, quindi sono pienamente qualificate per raggiungere gli obiettivi del progetto. Così, la promozione della partecipazione politica e l’empowerment saranno perseguiti con una buona pianificazione da parte delle quattro organizzazioni, coinvolgendo gli youth workers nell’implementazione delle competenze civiche.

Durante il progetto HRYO coordinerà ogni fase del programma e si interfaccerà con l’EACEA, l’Agenzia esecutiva della Commissione Europea per l’istruzione, gli audiovisivi e la cultura.

I partners implementeranno diverse attività, senza trascurare la connessione con le organizzazioni e l’amministrazione a livello locale, regionale e nazionale.

L’elemento innovativo del progetto, cioè la creazione del Toolkit, sarà il risultato di un processo che si sviluppa attraverso varie fasi dell’implementazione e di conseguenza il suo impatto sarà valutato attraverso la comparazione tra i fruitori e i non fruitori.

La realizzazione del progetto ha previsto una riunione di coordinamento, seguita da un questionario online e un focus group finalizzati alla raccolta di informazioni sugli youth workers, sul possibile contenuto dell’App e le opportunità per i giovani. In seguito all’analisi dei risultati, le organizzazioni realizzano uno scambio di buone pratiche attraverso il coinvolgimento dei lavoratori e dei giovani. Al termine di questa fase, i partners iniziano a preparare il prototipo del Toolkit basandosi sui bisogni dei partecipanti.

Le organizzazioni raccoglieranno le reazioni sull’App e successivamente creeratnno la versione definitiva. In seguito, durante la mobilità a Montevideo, un gruppo di youth workers, selezionati dai quattro paesi, saranno formati sull’utilizzo e l’applicazione del Toolkit. In questo modo gli youth workers sperimentano il supporto digitale nel loro lavoro, al fine di promuovere le competenze civiche quali cittadinanza attiva, conoscenza della politica, attenzione e partecipazione alla politica, efficacia e tolleranza politica.

Il progetto proseguirà con un’altra mobilità finalizzata alla valutazione dell’impatto della App. Sulla base di questa esperienza, i partners creeranno un libro digitale sull’utilizzo del Toolkit.

Alla fine del progetto la App gratuita sarà caricata sulle piattaforme Google Play/iTunes Store e in seguito i partners ne promuoveranno l’uso con incontri nazionali programmati.

Il progetto fornisce risorse materiali per la formazione e strumenti per la formazione degli youth workers, prevede riunioni, report e strumenti per la promozione delle competenze chiave dei giovani.

I principali risultati del progetto saranno: metodi di formazione per youth workers e formatori, cooperazione, attività di interconnessione e apprendimento tra pari, metodi che promuovano le competenze chiave dei giovani.

I risultati del progetto saranno diffusi attraverso pagina web, social networks, incontri strategici che coinvolgano le imprese, video ed e-books, workshop e la pubblicazione su Erasmus + Project Results Platform.

[:en]

U-Civic is a project implemented by Human Rights Youth Organisation (HRYO) in Italy, Asociación Civil Gurises Unidos in Uruguay, Centro de Estudios Paraguayos Antonio Guasch (CEPAG) in Paraguay and Biderbost, Boscán & Rochin (BB&R) in Spain. It falls within the framework of key action 2, namely cooperation for innovation and the good practices exchange, and specifically on the action of Capacity Building for Youth in ACP countries, Latin America and Asia. Funded with support from the Erasmus+ Programme of the European Commission.

The premise to the project proposal is the decreasing political empowerment among European and Latin American young people. As a result, the quality of democracy could be described as undermined, above all among young people belonging to the poorest social classes.

The main idea of the project is to use new technologies for civic education. Generating new knowledge on how to support youth workers to increase the political competencies among new generations.

Therefore, the “U-Civic” aims to: generate an exchange of good practices (between Italy, Paraguay, Spain and Uruguay) on which strategies really work and are attractive for the civic-political empowerment of new generations (specially youngsters with fewer opportunities). In addition, it is planned to set up a free virtual ToolKit for civic-political empowerment of new generations.

In spite of the different environment where the organisations operate, they all have specific features which makes a significant contribution to the project.

The HRYO is a non-governmental organisation which has as principal objectives the enhancement of human rights and the political empowerment of young people with fewer opportunities.

The Gurises Unidos is devoted to the protection of human rights, especially about children and young people, their families, communities and vulnerable contexts in Uruguay.

The CEPAG is an organization focused on the development of young people, above all workers and those who have fewer opportunities.

The BB&R is an international consulting firm with a prominent role in the field of civic education for young people.

All the four organizations have valuable experience of democracy-building and political accountability in vulnerable context, so they are fully qualified to operate in order to reach the objectives. Therefore, the promotion of political participation and empowerment is going to be pursued with good planning by the four entities, involving youth workers in implementing civic competencies.

During the project HRYO is going to coordinate each step of the program and it will interface with the EACEA, the Education, Audiovisual and Culture Executive Agency of the European Commission.

All the organizations will implement several activities, without overlooking the connection with the organizations and the administration at the local, regional and national level.

The innovative element of the project, namely the creation of the Toolkit, is going to result from a process developed along the different phases of the implementation and, subsequently, its impact will be evaluated through the comparison of users and non-users.

The implementation of the project foresaw a coordinating reunion, followed by online survey and a focus group aimed at collecting information about youth workers, possible content of the App and opportunities for young people. After the analysis of the results, the organizations realize the exchange of good practices through the involvement of workers and young people. At the end of this phase, the partners start to prepare the prototype of the Toolkit based on the needs of the participants.

The organizations are going to collected feedbacks on the App and then they draw up its final version. After that, during a mobility in Montevideo a group of youth workers, selected from the four countries, are going to be trained about the use and the application of the Toolkit. Therefore, the youth workers are going to experiment this digital support in their job, in order to foster the civic competences like active citizenship, political knowledge, political attention, political participation, political efficacy and political tolerance.

The project will continue through another mobility aimed at evaluating the impact of the App. Based on the experience, the partners will create a digital handbook on the use of the Toolkit.

At the end of the project the free App will be uploaded on Google Play/iTunes Store and then the partners will promote the use of the App by planning national meetings.

The project provides for training resource materials, training tools for youth workers, meeting, report and tools fostering young people’s key competencies.

The main outcomes that will result are: training methods for youth workers and trainers, cooperation, networking and peer-learning activities, methods fostering young people’s key competencies.

The project’s results will be disseminated through web page, social networks, strategic meetings involving firms, videos and e-books; workshops and the publication on the Erasmus + Project Results Platform.

[:]

[:it]Good Practice Exchange on eParticipation Platforms among European Youth[:en]Good Practice Exchange on eParticipation Platforms among European Youth[:]

[:it]

Good Practice Exchange on eParticipation Platforms among European Youth (2016-2-ES02-KA205-008260) è un progetto finanziato dal programma Erasmus + e realizzato dall’organizzazione Biderborst, Boscán & Rochín (BB & R) in collaborazione con H.R.Y.O. Human Rights Youth Organization e Momentum World. Il progetto si concentra sulla generazione e lo scambio di informazioni, dati e buone pratiche tra Spagna, Italia e Regno Unito per quanto riguarda le piattaforme di eParticipation per potenziare i giovani europei all’educazione civica. 

Lo sviluppo della tecnologia ha reso gli strumenti informatici centrali nella vita quotidiana dei cittadini e rilevanti per I sistemi politici. Negli ultimi anni le democrazie di tutto il mondo, inclusa l’Unione europea (UE), si trovano ad affrontare due problemi. In primo luogo, un disimpegno tra politici e cittadini. In secondo luogo, la mancanza di legittimità nei processi istituzionali a tutti i livelli. Entrambi i problemi sono più accentuati tra i giovani.

Nell’ambito del progetto, uno degli obiettivi è quello di incoraggiare e coinvolgere i giovani cittadini nel processo di discussione e di sperimentare nuovi sistemi di partecipazione dei giovani nella vita politica. Il progetto ha incluso il coinvolgimento di giovani studenti nella sperimentazione di nuove piattaforme e sistemi in grado di aumentare la loro partecipazione e migliorare le competenze civiche tra i giovani europei.

La sessione di E-PARTECIPATION che ha avuto luogo in Italia ha coinvolto 6 giovani che hanno lavorato con la piattaforma DemocracyOS (http://democracyos.org), uno spazio on-line per la deliberazione e il voto sulle proposte politiche, una piattaforma per un governo più aperto e partecipativo.

Attraverso questa piattaforma i ragazzi hanno avuto la possibilità di dialogare e vedere altre proposte condivise all’interno della piattaforma, di discutere e creare le proprie proposte. Erano entusiasti e hanno partecipato attivamente, proponendo iniziative molto interessanti per contrastare la disoccupazione giovanile in Italia.

A questo proposito, l’obiettivo principale di questa attività è che i giovani esplorino la piattaforma, per sapere se la trovano attraente e se è possibile utilizzarla nella loro vita quotidiana. Queste informazioni ci consentiranno di sapere quali caratteristiche sono necessarie per stimolare l’uso della piattaforma e quali aspetti limitano i giovani nella fruizione di questo tipo di strumento.

Per presentare e diffondere i risultati delle attività del progetto, H.R.Y.O. Human Rights Youth Organization organizzerà un evento locale a Palermo nelle prossime settimane.

Stay tuned!

[:en]

Good Practice Exchange on eParticipation Platforms among European Youth (2016-2-ES02-KA205-008260) is a project financed from the Erasmus+ Programme and implemented by the organization Biderborst, Boscán & Rochín (BB&R) in collaboration with H.R.Y.O. Human Rights Youth Organization and Momentum World. The project focuses on generate and exchange information, data and Best Practices between Spain, Italy and the UK regarding eParticipation Platforms to empower young Europeans on civic education

The development of technology has made ICTs central to citizens’ daily lives and relevant for political systems. In the last few years, democracies all around the world, included the European Union (EU), are facing two problems. First, a disengagement between politicians and citizens. Second, a lack of legitimacy in institutional processes at all levels. Both problems are more enhanced among young people. 

Within the project, one of the goals was to encourage and involve young citizens in the process of discuss and test new systems of participation for young people in political life. The project included the involvement of young students in the testing of new possible platforms and systems able to increase youth participation and improve civic competences among European youngsters.

The E-PARTICIPATION Youth Session that took place in Italy involved 6 youngsters that worked with the platform DemocracyOS (http://democracyos.org), an on-line space for deliberation and voting on political proposals, a platform for a more open and participatory government.

Through this platform, they had the chance to dialogue and view other proposals that were being shared through the platform, debate and create their own proposals. They were enthusiastic and they participated actively, proposing very interesting initiatives to contrast youth unemployment in Italy.

In this regard, the main objective of this activity is that young people explore the platform, in order to know if they find it attractive and if they would use it in their daily lives. This information will allow us to know what aspects young people value to use a platform and what aspects keep young people away from this type of tool.

To present and disseminate the outcomes and results of the project activities, H.R.Y.O. Human Rights Youth Organization will organize a local event in Palermo in the next weeks.

Stay tuned!

[:]