PREMIO ROSA PARKS 2015: PREMIATA ALESSANDRA NOTARBARTOLO

1972475_842501855761526_1445456667214059792_n

Scelta per “il suo costante lavoro nella tutela delle donne vittime di violenza e il suo femminismo intelligente”

PALERMO – “Per l’impegno profuso a tutela dei diritti umani e la Nonviolenza”. C’è scritto così sulla targa consegnata questa mattina ad Alessandra Notarbartolo. Durante l’infoday #cosedauomini (una giornata di informazione e sensibilizzazione sul fenomeno della violenza verso le donne all’interno del progetto nazionale FIVE MEN), infatti, l’associazione H.R.Y.O. Human Rights Youth Organization, ha fatto irruzione a sorpresa per la consegna del premio.

“Quest’anno abbiamo deciso di conferire questo riconoscimento ad Alessandra Notarbartolo per il suo costante impegno nella tutela delle donne vittime di violenza – spiega Marco Farina, presidente dell’associazione ideatrice del premio – Quello di Alessandra è un femminismo intelligente e lei ricalca in pieno la tipologia di donna che cerchiamo per questo premio”.

 

Oltre a riconoscere l’enorme valore di una personalità come quella di Rosa Parks, il premio riconosce contestualmente coloro che si sono contraddistinti attuando un impegno politico e sociale associato al metodo nonviolento. L’idea del Premio Rosa Parks, infatti, mette insieme tre aspetti principali: la tutela Dei Diritti Umani, la lotta nonviolenta e la lotta all’esclusione sociale e all’emarginazione.

20716_946165882082865_3824996014604435825_n11063806_10205343882550195_6531729259668368128_n

 

 

 

 

 

 

 

 

Lo scorso anno ad aver ricevuto il riconoscimento è stata Yodit Abraha, scelta per l’intensa attività svolta in ambito sociale sul territorio palermitano. “In riferimento al fenomeno migratorio – sono state le motivazioni del premio – ha sempre messo al primo posto l’essere umano, non facendo mai distinzione tra chi era richiedente asilo e chi no. Una difesa umanitaria dei diritti, che ha funto da ispirazione anche per il nostro lavoro associativo”. Prima di lei, nel 2013, il premio è andato all’onorevole Rita Bernardini.