12241685_1076970782335707_5532570285353483001_nIl progetto “Europe siamo noi”, nato con la volontà di creare una percorso duraturo al fine di coinvolgere ragazzi e avvicinarli alle istituzioni europee, si è appena concluso con risultati del tutto inaspettati.

Il percorso dei giovani ha visto il loro coinvolgimento in un primo momento all’interno dello scambio “D.U.E. Democracy in Europe” in cui i partecipanti hanno avuto la possibilità di confrontarsi con altri ragazzi della loro età e condividere le loro opinioni e idee su argomenti come la migrazione e la democrazia.

L’attività principale del progetto, il viaggio a Bruxelles al fine di visitare il parlamento, è stato un momento molto atteso ed emozionante per i ragazzi che sono stati preparati precedentemente alla trasferta.

La visita del parlamento momento culmine del progetto è stata possibile grazie alla collaborazione di Cécile Kyenge vicepresidente della Delegazione all’Assemblea parlamentare paritetica ACP-UE e membro della Commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni. L’europarlamentare Kyenge ha incontrato i ragazzi e ha parlato del suo lavoro e condiviso con loro le proprie speranze e aspettative per il futuro attraverso parole di incoraggiamento nei loro confronti.

La volontà positiva dell’europarlamentare Kyenge ha stimolato altri europarlamentari a incontrare i ragazzi, tra questi B. Benifei e C.Chinnici, che hanno spiegato il loro lavoro ai ragazzi riuscendo a coinvolgerli maggiormente in alcune questioni sociali a loro molto vicine.

La visita conclusasi con delle interviste ha reso più consapevoli e vicini i ragazzi alle istituzioni europee a volte percepite come lontane o quasi inesistenti.

Alcuni ragazzi hanno avuto per la prima volta la possibilità di vedere un mondo al di fuori della loro quotidianità, avendo quindi l’occasione di confrontarsi con nuove realtà e sfide.

La novità introdotta con questa esperienza sarà sicuramente un momento particolare e unico nella loro crescita personale che li porterà a riflettere sull’importanza delle politiche delle istituzioni europee nel loro futuro.