[:en]KA1 Youth Exchage “Growing through diversity” Call for partners[:]

[:en]

We are looking for 6 partners from 6 different countries, who want to take part in a youth exchange that will take place in San Marco d’Alunzio, a small village close to Messina, around the middle of June 2018 (approximately from the 11 to the 17th of June).

Participants: 4 participants per country (24 participants + 1 Group leader per country). The participants must be young people between 18 and 25 years old, including also young people /migrants with fewer opportunities with a medium level of English, if possible.

About San Marco d’Alunzio: The project is to carry out a youth exchange in a little town in the province of Messina, San Marco D’Alunzio, a town full of history, art and culture; There is an ancient village overlooking the sea and the Aeolian Islands. It developed in the fourth century B.C. under the Greek Domination, known since is fundation as the city of Alontion. There are twenty-two churches in the historical centre and other sites of cultural interest.  http://www.visitsicily.info/san-marco-dalunzio/

About the project: Our goal is to create a synergy between the participants and the young and old inhabitant of the town, creating a mix of cultures to understand the different ways of life. In particular, the activities will connect the ancient works to the new generations. They will get to know the old techniques and how they have evolved in relation to the historical changes and to new guidelines of the European Union. During this project, the participant will acquire different competences. Through workshops, non-formal activities and local meetings connected to the ancient works, participants will be given the chance to develop a common knowledge of aspects related to social topics such as cultural dialog, diversity acknowledgment, integration, interreligious dialog, gender equality and social awareness. As a result of the project, the participants will recreate a connection between past and present, understanding the changes, the difficulties and the improvements that still need to be supported.

For any further information about the project please contact us under the following e-mail adress: margherita.vaglio@hryo.eu

[:]

One World – A great experience

 

one-world-coverfbjpg

 

 

That moment that 11 nationalities meet each other to create, grow and live the reality of peace together. Sounds like a dream, and luckily that dream came true in the Youth Exchange ‘One World’, hosted by HRYO from 22nd to 30th of October in Palermo, Sicily. During this Youth Exchange young people experienced what it means to be curious towards other realities, use the voice of understanding and realise a peaceful intercultural community. One knows that a dream about the realisation of ‘One World’ is becoming a reality when participants call each other family.

During this week participants discovered the influence that media has on their perception of ‘the other’, they shared their hope, dreams and fears about the future, investigated the concept of peace and translated this into action. They recorded a song to include people in their experience and invite the world to become part of a peaceful movement. They also discovered their talents and qualities which they can use in building the ‘One World’ reality and made a personal decision on the next step they will take.

Participants left the project with an open mind, more experience of other cultures, hope, and inspiration for the realisation of ‘One World’.

I have a dream, a dream of a peaceful world, and it became even bigger after this week. I thank God, the participants and HRYO for this experience. The world is mine, the world is yours, the world is ours!

« di 2 »

 

ONE WORLD – Wikiblog

davONE WORLD YOUTH EXCHANGE PROJECT

FIRST DAY IN A JOURNEY

We’re staying in Palermo, the main town of Sicily, Italy. We’ve seen a small part of the city and it was full of historical buildings and lives on diversity. The buildings belong to Arabic and European cultures, that influenced different architectural style.

For the first day of the program we were lucky to have a friendly group of participants as they have a very good initiative to get to know the others. The participants have been very welcoming and open to the 11 cultures that are present in the youth exchange project. In fact, even if it’s represented by 6 countries, we discovered that participants come from more countries; which is very useful to have more diversity and it will help us reach the aims of the pathway. Our openness was noticed by, for example, the curiosity to learn basics of the different languages.

During the day, we realized that there are many connections among us which helped us to create bonds easier than we do in our everyday lives. We benefited of these links to organize a structured story telling in which 5 participants volunteered to share their experience on discrimination. In this activity each member of the other participants got the chance to break down their stereotypes, share their point of view on the subject and discover that there are similarities of discrimination in every culture.

Who said that people from different cultures cannot live together? And why do we create boundaries which prevent us from spreading love and peace?

 

P.S. We would be very happy if you share your personal experience on discrimination in the comments on the following link:

https://m.facebook.com/asshryo/

 

Wiki Blog 24-10-2016:

 

dav

Today, we started our day wandering around the city. We had to visit places that we have never been to before, and beside the idea we had about the city and the people, we luckily had the chance to realise how helpful, friendly, and kind Palermitans are. We also realised that our bonds are becoming stronger even though its only our second day.

During the workshop on media influence we experienced that media has a positive and negative influence on people. All the different cultural perspectives gave us insight on the level of which we are influenced and made us understand that there are voices that are not heard by the audience. Aside from this we also miss the media stimulating a culture of peace, and we created concepts on how we could influence it in a positive way. We would love to hear more about the positive things in the world.

We also had the chance to witness an empathic situation between a Spanish and a Palestinian guy, and from the experience of the Spanish guy, it really touched him that he is privileged to live such a wonderful life without being aware of what is really happening to lovely people like that Palestinian guy. Its also really wonderful that even without being able to communicate sometimes because we speak different languages, we’re surprisingly creating different ways to have a great time with each other.

Do you think now that languages and boarders are obstacles for people to understand each other?

 

Wikiblog – Day 3

Today was the third day of One World Project and it was amazing. We had three activities and they were so beneficial that it broadened our horizons about peace.

dav

Firstly, we had “Hope, Fear and Dreams” session. The aim of the session was to understand each other’s hopes, fears and dreams, to know each other better, to face with the others’ realities, and the challenges, and to reach our project’s aims, goals, and objectives. The second was the brainstorming about the discussion. We proposed some words about the concept of peace. The last one was “Art Group”. Its aim was to reflect our ideas and feelings through art and to make our abstract outcomes visualize.

To sum up, we gained more information about peace. We talked to each other, faced with the realities, and produced our own understanding about peace. Therefore, we are getting closer to the objectives and aims of the project.

Arnie-Dana-Davide- Elif-Gülşah

 

 

 

Wikiblog – Day 4

 

Peace is ourselves

Hello we are Adela, Gianluca, Selen and Mediha, and we are going to continue with the daily “wikiblog”. Our day basically consisted on peace, but… what is peace for us? You may say help, love, strength, sharing, freedom, forgiveness… we could be writing adjectives for the whole afternoon. Let start.

After discussing for a long time, we found out that for us peace is balance, which means that every part of the “construction” is necessary in order to keep it up without falling, also being together as a group loving others as human beings not focusing on color, religion, culture. Furthermore, we could say that peace is also hope, in the sense of building something unique: “ONE WORLD”. Going deeper, we can also find peace through happiness. How? Happiness means self-stability not only with yourself but also in your work, with the people around you, with your family and almost in every field of your life. So if it was your turn, how would you define peace?

dav

The second part of the session was focused on our qualities, on discovering ourselves and how we could, in and individual and personal way, execute this actions in order to find peace. As a result, we discovered that is not that impossible taking real actions to set peace, not in a global way but step by step we may end up building something great and that we were able to do everything we really want to do.

To sum it up, we have to say that this was a wonderful day to learn a little more about our own attitudes and to decide how or when to take actions for self-development towards peace. We have to leave because Palestinian night is about to start!!!

However, we all would like to know what is your opinion towards this topic: PEACE. You can leave us a comment in this link https://m.facebook.com/asshryo/

And remember, if you want to find love or peace in others, we have to work first in ourselves.

Ciao!!!

 

 

Wikiblog – Day 5

We can be heroes…

We woke up to a rainy day. Fortunately, it was not too cold to train. We started the process of making a special song for the project. It was really funny and inspiring trying to produce a song together. Eventually we succeeded to have many sentences in different languages. Tomorrow we will continue the song-creation and the final recording.

After lunch the rain was still pouring down. Perfect weather to see a movie! We saw a movie called Selma, which tells the story of Martin Luther King and how he led the non-violent march from Selma to Montgomery in Alabama in 1964.

dav

The movie was very touching and had a strong impact on us. Especially since the topic of human rights is something we are discussing a lot this week. It was inspiring to us to see how they used non-violent methods to reach their goals. We believe that we can learn a lot from it. We learned that the union of people makes us strong and can have the power to change political laws. Of course, this intention must be structured and we saw that having a strong and inspiring leader can make a big difference. This needs to be a leader that works with the support his/her followers and is not superior. Another observation from movie is that media can play a big role in effecting people. Media (reporters etc) can communicate what is happening so that people can learn what is happening in reality. For this we see a big need in today’s society. Many horrible scenes are taking place all over the world, and it is important to communicate what is happening so that everyone can have an awareness of it.

One comment we heard about the movie, from some people within the group, is “why didn’t white people take action? How could they just sit by and watch how black people were being treated?”. One reflection we have about this, is that we have similar situations going on in the world today. It is very easy to be critical of things being done in the past, but what about our actions today? A reality with wars and fleeing people. How are we responding to this? Are we doing everything that is in our power to do, or are we just sitting by and watching what is happening? As we are writing this it reminded us about a line in the song we were creating earlier today; How can I be a hero today? How can I be today’s Martin Luther King?

If you wish to add a comment, please do it in the following link: https://m.facebook.com/asshryo/

 

 

 

 

 

One World. I have a dream…Yes!

10006539_593567907447274_7681126529312761240_nI have a dream…Yes, Just like Martin Luther King Jr, I have a dream! A dream for a world filled with peace and brotherhood. We are often confronted with the opposite reality when we turn on the news, hear or experience conflict in our society. We could describe peace as the absence of violence, but I believe and experience peace as a state of being. From the 21st until the 30th of October “One World” a Youth Exchange about diversity and tolerance will be implemented in Palermo (Sicily). The H.R.Y.O. Human Rights Youth Organization will host 30 participants and 6 Youth leaders from the following 6 countries: Jordan, Palestine, Turkey, Sweden, Spain and Italy. It will be open to young people between the ages 18-25 who are ready to explore their perception towards peace, diversity and the influence society has on this perception. We have chosen the city of Palermo as it has a culturally rich history of Arabic, African and European influences. The current situation in the city still reflects a great deal of diversity which will complement the goal and experience in the project. So, we believe that this characteristic of Palermo will be an added value in the project since in our media based world that constantly communicates attacks, un-safety and distrusting of „the other‟ makes it difficult for youngsters to be open to diversity. The aim of this project is to foster a culture of peace amongst young people. By empowering and assisting youngsters to experience a reality beyond their own cultural roots and backgrounds, we want to stimulate tolerance and a curiosity towards diversity. Participants will leave this project with a new level of social and intercultural competences that will positively influence their approaches and behavior towards diversity. We hope the long term benefits of the project will be seen in young people actively taking part in the realization of a culture of peace.one-world-coverfbjpg

One World – HRYO ospiterà 36 giovani provenienti da sei paesi diversi

one-world-coverfbjpg

In occasione di One World, HRYO ospiterà 36 giovani provenienti da sei paesi diversi.

Lo scambio avrà la durata di 7 giorni lavorativi, si terrà a Palermo e sarà aperto a tutti i giovani tra i 18 e i 25 anni che intendono rivedere la loro concezione di “diversità” e capire l’influenza che la società esercita su tale concezione.

One World includerà anche partecipanti con minori opportunità, che affrontano difficoltà sociali e/o differenze culturali ,in modo da promuovere il raggiungimento dell’obiettivo principale di questo progetto: il rispetto della diversità.

Durante i 7 giorni si svolgeranno delle attività atte a aumentare il livello di conoscenza delle diverse culture, a sviluppare nei partecipanti un senso di rispetto e apertura verso la diversità e il multiculturalismo.

Per rendere il soggiorno più piacevole e leggero, il progetto include delle attività come : giochi di ruolo, dibattiti, discussioni, analisi di video, fotografie e documenti vari.

I giochi serviranno ad estendere i limiti della propria immaginazione, a modificare i comportamenti abituali di ognuno dei partecipanti, e a scomporre e analizzare strutture sociali di potere e oppressione.

L’obiettivo ultimo di One World è quello di stimolare il pensiero critico tramite il confronto fra i giovani partecipanti per permettere loro di raggiungere un alto livello di competenza che influenzerà positivamente i loro approcci alla diversità.

La nostra speranza è che i benefici a lungo termine del progetto saranno visibili nei giovani che prenderanno parte nella realizzazione di una cultura sempre più pacifica.

Eng. Version.

One World

One World Project will see the hosting of 36 young people from 6 different countries.

The exchange will last 7 working days, it will be held in Palermo and it’ll be opened to people aged 18-25 who want to explore their perception of “diversity” and understand the influence that social media has on it.

One World will also include participants with fewer opportunities , such as peole who are facing social difficulties and/or cultural diffrencies, in order to achieve the main purpose of this project: the respect towards diversity.

During these 7 days, we’ll make some activities whose aim is to raise awareness of different cultures and to develop on the participants some sense of respect and openness towards diversity and multiculturalism.

To make the stay more pleasant and “easy”, the project includes various activities such as: roleplays, debates, discussions, analysis of videotapes, pictures and documents.

The games will be used to change the usual behaviours of each participant and to analyse social structures of power and oppression.

The purpose of One World is to stimulate critical thinking through the comparison between young participants and to allow them to achieve an high level of competence which will influence positively their approach to diversity.

We hope that the longterm benefits of this project will be seen in young people who’ll create a more pacific culture.

 

Stars Children!!! A way to recycle.

locandinaL’associazione H.R.Y.O. Human Rights Youth Organization, nell’ambito di un progetto finanziato dal programma Erasmus +, ha avuto il piacere di ospitare a Godrano 4 gruppi di ragazzi provenienti da Estonia, Lituania,Repubblica Ceca e Italia.
Lo scambio è avvenuto nella splendida cornice di Valle Maria, una struttura situata nel mezzo del bosco della Ficuzza, dal 7 al 14 Novembre 2015.
I ragazzi si sono confrontati in merito a un argomento tanto importante quanto, spesso, sottovalutato: il riciclo dei rifiuti.
L’idea alla base del progetto si basa su un principio fisico di fondamentale importanza: “nulla si crea o si distrugge, tutto si trasforma”. Tutto ciò che esiste in natura è il prodotto di millenni di trasformazioni continue e di riciclo di materiali chimici: questo è anche il caso del genere umano, che, in maniera un po’ romantica, può essere considerato “figlio” dell’esplosione di corpi celesti.
Tale considerazione ha permesso al gruppo di lavorare contemporaneamente su due ambiti apparentemente lontani: il riciclo e il riuso dei materiali e l’osservazione delle stelle.
La contemporanea presenza di gruppi di nazionalità così eterogenee ha permesso la nascita di un dibattito acceso e costruttivo, facilitato dalle attività di “Community Mapping”. È stato infatti sorprendente scoprire come le attività di riciclo e il rispetto dell’ambiente facciano parte integrante della cultura dei paesi del nord, esempi lampanti di corretta amministrazione della gestione dei rifiuti, ambito nel quale l’Italia ha davvero molto da imparare.
È proprio sulla rinascita culturale che il progetto ha posto enfasi; una rinascita al contempo singolare e collettiva, che miri a valorizzare i piccoli gesti quotidiani quali primi passi per il cambiamento del mondo.
La “Observation Night” è, probabilmente, risultata come il momento più profondo e toccante del progetto. Dopo un partecipato confronto sui fenomeni astronomici, mediato dagli esperti dell’organizzazione ORSA, i ragazzi hanno potuto ammirare la bellezza del cielo stellato, grazie all’utilizzo di moderni strumenti di osservazione. Qui la curiosità ed il sapere scientifico hanno fatto spazio a una riflessione quasi filosofica: soltanto di fronte all’immensità dell’universo l’essere umano può svestire i panni di padrone della natura, e comprendere ciò che in realtà è: una piccolissima parte del Tutto.
Ma “Stars Children” è stato anche scenario di momenti divertenti e di conoscenza reciproca: le “Intercultural Nights” sono state momenti, a tratti esilaranti, in cui ogni gruppo ha potuto descrivere la cultura e le tradizioni del proprio paese. La divulgazione dei propri balli tipici, oltre che di cibi e liquori, hanno permesso l’aggregazione del gruppo e l’abbattimento di qualsiasi vincolo culturale.
IMG_1556La visita di Palermo è stata una sorta di break, necessaria per ricaricare le energie e concedere a tutti un momento di relax e libertà, sotto un sole quasi estivo e così inusuale in questo periodo dell’anno. È stato sorprendente scoprire come il calore e la bellezza architettonica della nostra città abbiano colpito e stupito tutti i ragazzi, rimasti però basiti dallo stato di incuria e rassegnazione dei suoi abitanti.
L’ultimo giorno, come prevedibile, è stato il momento in cui le emozioni e le esperienze provate durante il progetto si sono concentrate e manifestate maggiormente. Non volevamo, tuttavia, che di quest’esperienza non restasse un segno concreto e permanente; per questo motivo, poco prima di giungere ai saluti, i partecipanti, con l’aiuto dell’Assessore Mario Cannucio e del presidente H.R.Y.O Marco Farina, si sono impegnati nella realizzazione di un’installazione artistica al centro della piazza di Godrano.
Le parole incise nel legno rappresentano il sentimento cardine provato in questa settimana:
“Siamo il Cambiamento che vogliamo vedere nel mondo.”

D.U.E. Democracy in E.U.

11986474_1040884585944327_3180950824883214971_nDal 15 al 22 settembre, l’associazione H.R.Y.O. Human Rights Youth Organization ha ospitato a Palermo tre gruppi di giovani provenienti da Polonia, Bulgaria e Grecia insieme a un gruppo di ragazzi italiani, nell’ambito di un progetto europeo finanziato dal programma Erasmus Plus, dal nome D.U.E : Democracy in E.U.

Nella cornice dei giardini che circondano la Zisa e Villa Trabia e nel cuore del centro storico tra il Teatro Massimo e il Politeama, i partecipanti hanno incontrato nuove culture e si sono confrontati sui temi della democrazia e dell’immigrazione. La realta’ del capoluogo siciliano ha reso ancora piu’attuali queste tematiche: la questione degli sbarchi e la gestione degli immigrati sono all’ordine del giorno insieme alle difficolta’ dei paesi europei di trovare il modo di cooperare insieme per trovare una soluzione condivisa.

L’approccio dell’educazione non formale, le attivitá di gruppo alternate ai role play hanno dato ai ragazzi la possibilitá di esporre le proprie idee e opinioni, confrontandosi con quelle di altri giovani europei della loro eta. L’obiettivo è stato quello di stimolarli ed aiutarli ad interrogarsi e dare un’interpretazione agli eventi che accomunano ciascun paese di origine.

I giovani partecipanti di ciascun paese, oltre alle numerose attività finalizzate al confronto e all’integrazione, hanno potuto organizzare delle serate culturali per mostrare alcuni aspetti dei rispettivi paesi, servendosi della proiezione di video, della realizzazione di quiz e della degustazione di alcuni cibi e liquori locali.

Giorno per giorno sono stati creati degli spazi di valutazione sulle giornate concluse ed in particolare nella giornata conclusiva dello scambio lo staff di H.R.Y.O. ha dato la possibilitá a ciascuno di poter valutare i precedenti giorni di lavoro e mettere in luce eventuali criticita’.

 

Al fine di mostrare ai partecipanti esempi concreti della realtà della città di Palermo e dell’impegno di associazioni e singoli individui nel far fronte all’emergenza migranti, e’ stata poi organizzata una visita guidata presso il Centro Astalli, un centro di accoglienza per immigrati, richiedenti asilo e rifugiati, dove alcune volontari hanno spiegato come avviene l’accoglienza e quali sono i servizi da loro offerti. Presso il locale Moltivolti a Ballarò c’è stato un incontro con Yodit Abraha, una volontaria di origini etiopi che da oltre trent’anni anni vive in Italia, e responsabile di uno SPRAR, servizio centrale del sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, che ha parlato della quotidianeità del suo lavoro, del modo in cui vengono gestiti gli sbarchi e l’accoglienza, e ci ha raccontato alcune storie drammatiche di migranti in fuga da paesi in cui non viene garantito alcun diritto.

Infine, Giovanni Zinna, proprietario del Moltivolti, da tempo coinvolto in diverse attivitá con i migranti, ha descritto il suo lavoro e ricordato come l’integrazione sia ovunque possibile e possa portare al raggiungimento di ottimi risultati.

 

 

I giorni dello scambio hanno coinciso con un evento importante per l’associazione H.R.Y.O., il Meet Me Halfway Festival, organizzato ogni anno allo scopo di promuovere l’integrazione tra le diverse realta’ che vivono nella città di Palermo, e al quale anche i giovani dello scambio hanno contribuito con la loro presenza e partecipazione.

 

Quest’anno il Festival ha avuto luogo nel quartiere Z.E.N. e ha visto la partecipazione di diverse associazioni, che hanno contribuito alla riuscita dell’evento organizzando attività di vario genere, capaci di coinvolgere sia i bambini del quartiere che gli adulti.

L’attività più importante organizzata all’interno del Festival è stata un contest di cucina internazionale, che ha visto il diretto coinvolgimento di alcuni ragazzi dello scambio che hanno presentato alcuni piatti tradizionali dei loro paesi di origine, di donne del quartiere ZEN e di donne migranti.

 

E’ stato bello vedere come tutte queste persone, così diverse tra loro, provenienti da luoghi così lontani e con background culturali così eterogenei, siano riuscite a collaborare per la realizzazione di questo evento ed assicurarne il successo.

La diversità va coltivata con amore perché è una fonte di ricchezza inestimabile.

Quando la violenza contro le donne diventa “spettacolo”

Quando la violenza contro le donne diventa “spettacolo”

Nell’ambito del progetto Women in Europe. Erasing violence against women!, l’associazione H.R.Y.O Human Rights Youth Organization, dal 2009 attiva nel campo della promozione dei diritti umani, ha organizzato un flash mob per rappresentare la violenza contro le donne.

Venerdì 24 luglio, intorno alle 19.00, un gruppo di ragazze, provenienti da diversi paesi quali Turchia, Bulgaria, Grecia, Libano, Eritrea e Italia, ha iniziato a danzare per strada sotto l’occhio stupito ed incuriosito di passanti e turisti.

 

11013507_1022264077806378_3152413185068662331_nMa c’è di più. Per meglio rappresentare questo tema così importante, le ragazze hanno deciso di ballare indossando degli abiti che richiamassero alcuni stereotipi sulle varie figure femminili della società odierna: la sposa, la casalinga, la donna d’affari, la ragazza comune, la rom, la straniera araba, la sportiva; tutte figure spesso oggetto di violenza o discriminazione. Per aggiungere forza al messaggio, ogni ragazza indossava una maschera di cartone, semplice ma allo stesso tempo molto significativa: nascondere il proprio volto ed apparire anonima agli occhi dello spettatore rispondeva all’esigenza di comunicare che nessuna donna, che sia una sposa, una donna d’affari o una semplice ragazza uscita con gli amici, merita di essere oggetto di violenza.

Ad accompagnare questo messaggio così importante c’era Fabrizio Augugliaro, un giovane musicista che con la fisarmonica, ha aiutato le ragazze a danzare per le strade del centro scandendo al meglio il tempo e questi passi così evocativi.

La prima parte della danza ha rappresentato, in maniera molto suggestiva, la violenza subita dalle donne tramite alcuni particolari gesti che rievocavano la violenza dei colpi subiti, il senso di prigionia, l’atteggiamento della donna che cerca di non sentire, vedere o parlare dell’atto subito, ma soprattutto la volontà di dire basta alla violenza.

La seconda parte della danza, contraddistinta anche da un ritmo più allegro e gioviale della musica, ha invece cercato di rappresentare la rinascita della donna, che dice no alla violenza, si apre al mondo, alla ricerca di nuovi obiettivi da raggiungere e cerca di ricostruire la sua vita.

Ed è proprio in questo modo che l’associazione H.R.Y.O Human Rights Youth Organization da anni si batte per la promozione e la tutela dei diritti umani: individuando il problema e attivandosi per la sua soluzione, coinvolgendo nelle sue attività tutti.

L’intera coreografia è stata ideata e realizzata dalla psicologa, danzatrice e performer Enza Mortillaro, che da diversi anni si occupa di svariate attività rivolte a bambini, disabili psichici, e donne vittime di violenza. Colpita fin da subito dall’idea, Enza, oltre alla realizzazione della coreografia, ha partecipato al flash mob interpretando il ruolo della sposa.

La gente per strada ha guardato con molta curiosità questa danza così curiosa chiedendo alle improvvisate ballerine quale fosse il loro messaggio. E, alla risposta di una ragazza “E’ un flash mob che rappresenta la violenza contro le donne”, una donna ha commentato: “Brave. E’ importante parlare di questo tema.”

 

« di 2 »

Youth Protagonist for Better Society

10372132_677191209036332_6696904070403138237_n

La cooperazione, la violenza, il razzismo, i problemi dei giovani europei e soprattutto il rapporto dei giovani con la nostra Europa.

Lo scambio da la possibilità di creare cittadinanza giovanile attiva. L’obiettivo è quello di tirar fuori, esporre e analizzare gli elementi che ostacolano lo sviluppo dello spirito europeo attraverso la cooperazione per creare integrazione culturale e sconfiggere il pregiudizio tra i paesi europei.

Le attività si concentrano sul cinema, il teatro e la giocoleria attraverso le quali i ragazzi avranno modo di conoscersi ed interagire divertendosi. Le suddette attività verranno svolte in maniera non formale e con lo scopo di sviluppare creatività.

Sono in programma: giochi di fuoco, rappresentazioni teatrali e realizzazioni di video, il tutto allo scopo di conoscere altre culture permettendo di far conoscere la propria.

I ragazzi che prenderanno parte al progetto saranno protagonisti attivi del cammino verso la vittoria contro il pregiudizio e la diffidenza che spesso non ci permette di vedere gli altri come amici. Cercheremo di creare legami oltre i nostri confini per far crescere in noi la voglia di condividere la nostra cultura e magari mescolarla un pò con quella di altri paesi!

gia ita

We live together

Uno scambio internazionale dal titolo “We live Together” che vedrà coinvolti 28 partecipanti provenienti da diversi paesi del mondo quali Norvegia, Spagna, Bulgaria e Italia.Il tema dello scambio è il razzismo e i pregiudizi. L’obbiettivo dello scambio è quello di abbattere barriere e atteggiamenti razzisti provocati da stereotipi e pregiudizi alimentati dalla mancanza della conoscenza dell’altro. Le attività nel concreto si alterneranno fra sessioni “teoriche” su razzismo e pregiudizi utilizzando comunque sempre un approccio di educazione non formale ai diritti umani promosso dal programma Gioventù in Azione dalla Commissione Europea, e sessioni pratiche che vedranno coinvolte  tecniche del “Learning by doing” , che saranno di ausilio anche a bypassare il problema della lingua , andando anzi a sviluppare curiosità nel conoscere le altre lingue e modi di dire altrui. Lo scambio, l’apprendimento “pear to pear” , ossia apprendimento fra pari permette di sviluppare contestualmente due obbiettivi l’apprendimento e il confronto fra i partecipanti e al contempo coesione e formazione del gruppo stesso. Il coinvolgimento della popolazione locale nello svolgimento del progetto avrà un ruolo fondamentale sia nel ruolo di accoglienza e integrazione degli stranieri nel posto , ma anche e soprattutto nella promozione della cultura italiana e locale , e quindi ciò rappresenterà anche un punto forte nei confronti della visibilità di usi e costumi nel mondo,tale progetto è stato patrocinato dal Comune di Marineo e vede inoltre nella Fondazione Culturale G.Arnone un partner essenziale nella realizzazione dello stesso.

1399246_703236756355062_1326638468_o

We live Together – una riflessione

 

A poco meno di un mese dall’inizio delle attività del progetto We live together è possibile riuscire ad avere un quadro più esaustivo di quello che è stata questa fantastica esperienza.

Dall’uno all’otto Novembre circa trenta giovani provenienti da quattro diversi paesi, Bulgaria, Spagna, Norvegia e Italia hanno convissuto nel cuore del Comune di Marineo.

Ma cosa è accaduto durante questi giorni? Grazie al coordinamento generale della H.R.Y.O. , ente responsabile per l’attuazione progettuale ma grazie soprattutto al supporto delle Fondazioni Culturali Giocchino Arnone ed inoltre il supporto del Comune di Marineo i giovani partecipanti hanno vissuto un’ampia esperienza educativa sotto molteplici aspetti; l’aspetto culturale è stato predominante infatti non solo le culture presenti nel progetto hanno avuto modo di confrontarsi ed arricchirsi ma inoltre è stato possibile immergere i ragazzi all’interno dello specifico contesto socio culturale del territorio di Marineo. Le attività di educazione coordinate dalla H.R.Y.O. hanno funto da perno centrale per lo sviluppo delle tematiche progettuali; il progetto infatti basato sui temi dei Diritti Umani , del razzismo e dei Pregiudiziha dato modo ai ragazzi partecipanti di poter riflettere in modo personale e di gruppo sui temi, proporre delle possibili soluzioni ma soprattutto un arricchimento, anche in termini di acquisizione di nuove competenze e nuove idee progettuali le quali verranno realizzate nel prossimo futuro.

Sviluppare un processo educativo sul tema del razzismo è sembrata cosa ardua all’inizio ma alla fine i risultati delle nostre attività sono state molto apprezzate soprattutto dai ragazzi, in questi tempi di crisi economica corriamo il rischio di anteporre ai diritti le esigenze economiche, conosciamo l’importanza dell’economia per uno stato, ma per la società, per le persone è essenziale vedersi riconosciuti, se non tutti i diritti, almeno i principi espressi ad esempio all’Interno della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, che ricordiamo giorno 10 Dicembre prossimo compirà il suo 65° Anniversario.

Riuscire a dare un quadro preciso delle diverse dinamiche positive che si sono riuscite a sviluppare è cosa assai ardua con un semplice articolo ma proviamo ad evidenziare alcuni aspetti; Dapprima è doveroso citare l’Agenzia Nazionale Giovani, ente responsabile per l’attuazione del Programma Gioventù in Azione in Italia, programma comunitario che ha finanziato la nostra proposta progettuale ma quello che ha reso vero questo progetto è stata la semplicità di alcuni aspetti come il facile incontro fra i giovani di Marineo e i ragazzi stranieri fino a diventare amici, gli sguardi sospettosi dei primi giorni che si son trasformati in sorrisi, il tanto lavoro logistico che ha trovato aiuto in tantissime persone, in pratica un vero e proprio coinvolgimento di tutti.

A Gennaio verranno presentati i risultati del progetto, organizzeremo un incontro all’interno del quale mostreremo anche alcuni aspetti tecnici del progetto sperando possano essere da stimolo per futuri progetti.